Camorra,Fucito: Non prendiamo stipendi, i clan vogliono farlo credere


Napoli, 2 lug (Il Velino/Il Velino Campania) – “Ogni tanto squilla il telefono e dall’altra parte è un commerciante che mi dice di aver saputo che prendo soldi per l’attività di lotta al racket e l’usura. Voglio dirlo a chiare lettere: noi delle associazioni non siamo affatto stipendiati, anzi ci rimettiamo di tasca nostra”. Lo dice al VELINO Silvana Fucito, volto napoletano della riscossa contro il pizzo.

È vero che ci sono state polemiche per la gestione delle associazioni?
“Questo lo sta dicendo lei e non lo confermo affatto”.

Mi conferma però che alcuni commercianti si sono indispettiti perché credevano che voi prendeste soldi?
“Si, ho ricevuto alcune telefonate, due o tre neanche troppo carine, in cui ci rinfacciavano di far soldi con l’antiracket. Una cosa assurda. Noi non prendiamo un solo centesimo, sfido chiunque a dire il contrario. Non un centesimo. Anzi, ci rimettiamo di tasca nostra. Vuole sapere l’ultima?”

Certo
“Soltanto poco fa erano finite le cartucce della stampante. Non avendo sovvenzioni non sapevamo che fare. Sono scesa in cartoleria e le ho comprate. Ho ancora lo scontrino nel portafogli. La nostra è passione per una causa: la lotta ai clan che strozzano i commercianti”.

Non saranno proprio i clan a mettere in giro le voci dei presunti stipendi?
“Non lo so, ma è chiaro che se nell’immaginario collettivo si diffonde quest’idea degli stipendi, è più facile che i commercianti non si associno e quindi si pieghino ai clan”.

Anche la gestione ordinaria dell’antiracket non è sovvenzionata?
“No, nessuna sovvenzione. Abbiamo fatto in passato piccoli progetti regionali. Nulla di più”.

Ok: come vi mantenete?
“Sul volontariato e sul buon cuore di chi ha creduto e crede nella lotta ai clan”.

A cosa servirebbero dei finanziamenti?
“Certo non a stipendiare noi. Piuttosto a mantenere strutture idonee a pagare il telefono, l’affitto, a dare maggiore pubblicità alle nostre iniziative. Ora non ci sarà neanche più la possibilità di costituzione di parte civile”.

Si spieghi meglio
“Il pacchetto sicurezza ha tagliato la possibilità delle costituzioni di parte civile nei processi contro racket e usura. E comunque non abbiamo mai preso una lira. Li avremmo dovuti prendere ma la legge era retroattiva”.

Stato delle denunce per pizzo e usura?
“Stia tranquillo che quelle aumentano, anche grazie alle male lingue. Chiunque esse siano”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Associazioni antiracket, news, Racket, Usura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...